Condividi

In 250 al pellegrinaggio Marrucheti-Campagnatico pregando per la famiglia

In 250 al pellegrinaggio Marrucheti-Campagnatico pregando per la famiglia

Il cammino di 12 chilometri ritmato dal Rosario e da riflessioni sull'amore di coppia, la genitorialità, la figliolanza

Sono state circa 250 le persone che sabato 30 maggio, insieme al vescovo Rodolfo e a diversi sacerdoti, hanno partecipato al XIII pellegrinaggio diocesano a piedi da Marrucheti al santuario mariano di Campagnatico. Intere famiglie anche con bambini piccoli, giovani, adulti di tutte le età hanno camminato per oltre tre ore lungo il percorso di 12 chilometri tra le colline maremmane, accompagnati dal sole e da un leggero vento che ha reso meno impegnativo il tragitto.

Il pellegrinaggio è iniziato all’interno della chiesa di Marrucheti con un momento di preghiera, nell’ascolto della Parola e nel ricordo di don Vittorio Lauri, per anni parroco della parrocchia rurale recentemente scomparso, che ha lasciato traccia del suo servizio anche attraverso le bellissime pittore che impreziosiscono la chiesa. Il vescovo ha invitato tutti alla preghiera attraverso quei dipinti, in particolare il Cristo crocifisso raffigurato con reti da pesca.

Il cammino è stato aperto da una croce, portata – come in un passaggio di testimone – da donne e uomini. A scandire i passi dei pellegrini la preghiera del rosario, i canti, spazi di silenzio e un itinerario di riflessioni sulla famiglia, l’amore sponsale, la paternità, la maternità, la figliolanza curato dalla fraternità di Comunione e Liberazione, con riflessioni tratte da discorsi ed omelie di papa Francesco, dalla traccia in preparazione al convegno ecclesiale di Firenze e da alcuni autori della letteratura e della drammaturgia mondiale come Oscar Vadislav de Lubicz, Cesare Pavese, Charles Peguy, Davide Rondoni e molti altri.

Quest’anno, infatti, il pellegrinaggio era dedicato al tema della famiglia, nell’anno del Sinodo della Chiesa su di essa. A Campagnatico i pellegrini sono stati accolti e rifocillati dai volontari della Pro loco, prima di compiere processionalmente il tratto dalla pieve di San Giovanni Battista al santuario mariano diocesano, dove alle 21 il vescovo Rodolfo ha presieduto la solenne concelebrazione eucaristica alla quale, oltre a coloro che hanno effettuato il pellegrinaggio a piedi, hanno partecipato anche altri fedeli giunti dalle varie parrocchie.

Dalla diocesi la gratitudine a coloro che hanno organizzato il pellegrinaggio, al Comune di Campagnatico, ai volontari del paese, a chi ha garantito il soccorso e alle forze dell’ordine.

Scarica l’omelia del vescovo Rodolfo

Scarica il libretto del pellegrinaggio con le meditazioni