Condividi

Sacerdoti e diaconi tre giorni a confronto su “Le cinque vie tracciate dal e per il Convegno ecclesiale di Firenze”

Sacerdoti e diaconi tre giorni a confronto su “Le cinque vie tracciate dal e per il Convegno ecclesiale di Firenze”

Relazioni affidate a Franco Vaccari, don Virginio Colmegna e don Luciano Musi

Franco Vaccari, don Virginio Colmegna e don Luciano Musi. Saranno loro gli animatori della tre giorni di aggiornamento dei sacerdoti, religiosi e diaconi della diocesi, in programma da mercoledì 10 a venerdì 12 giugno, incentrata sulle “Cinque Vie tracciate dal e per il Convegno ecclesiale di Firenze 2015”.

I primi due giorni si terranno negli spazi del Seminario vescovile, il terzo sarà ospitato dalla parrocchia del Sacro Cuore, nel giorno in cui si celebra la solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, giornata mondiale di santificazione sacerdotale.

Saranno tre occasioni di approfondimento e di riflessione, che si inseriscono nel cammino avviato dalla Chiesa di Grosseto verso il Convegno di Firenze. 

“Nella bella consuetudine per i sacerdoti, i religiosi e i diaconi di ritrovarsi insieme per un periodo più prolungato di aggiornamento pastorale e umano – spiega il vicario generale don Desiderio Gianfeliciquest’anno si impone un’attenzione particolare sul Sinodo della famiglia, sul Convegno ecclesiale e sull’imminente apertura dell’anno giubilare della misericordia. Per questo il vescovo Rodolfo ha centrato la formazione del presbiterio sui temi di Firenze, ovvero il nuovo umanesimo in Cristo, tenendo presenti anche gli altri ambiti di impegno su cui è orientato il cammino di tutta la Chiesa. Lo ha fatto – prosegue il vicario generale – individuando persone capaci di offrire uno spazio di riflessione e di condivisione sulle 5 Vie individuate nella traccia verso Firenze, in grado di raccogliere in sé tutte le prospettive che la Chiesa sta individuando ed attuando per una nuova evangelizzazione e per nuove testimonianze di Vangelo”.

La giornata di mercoledì 10 giugno avrà per tema: “La via del trasfigurare” e sarà affidata a Franco Vaccari, psicologo, docente in istituti superiori di Arezzo, e fondatore e presidente di “Rondine-Cittadella della Pace”, associazione nata per favorire l’incontro e l’amicizia tra giovani studenti appartenenti a popolazioni o etnie in guerra tra loro.

La seconda giornata sarà incentrata su “Le vie dell’abitare e dell’educare”, che saranno sviluppate dalla riflessione che offrirà don Virginio Colmegna, presidente della Fondazione Casa della Carità, voluta dal cardinale Carlo Maria Martini. Don Colmegna è legato a Grosseto per aver dato vita sul territorio, insieme a don Enzo Capitani sacerdote diocesano impegnato da sempre sui temi della marginalità e attuale direttore della Caritas, alla Fondazione Sasso di Maremma, il cui progetto principale è stato quello di dar vita ad un luogo di prevenzione, cura, sostegno e protezione per donne e bambini vittime della violenza. Attualmente sono due le case-famiglia realizzate sul territorio maremmano.

La tre giorni del clero della diocesi di Grosseto si concluderà giovedì con l’incontro con don Luciano Musi, parroco della parrocchia di San Giovanni Bosco a Livorno, sul tema: “Le vie dell’uscire e dell’evangelizzare”.

Alle 12, nella basilica del Sacro Cuore, la Messa conclusiva con tutto il clero nella solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, giornata di preghiera per la santificazione dei sacerdoti.