Condividi

Il “Concerto insieme” alla Cava di Roselle apre il percorso di preparazione verso la Festa di San Lorenzo

Il “Concerto insieme” alla Cava di Roselle apre il percorso di preparazione verso la Festa di San Lorenzo

Venerdì 3 luglio alle 21.15 grande serata di musica con le eccellenze locali per tenere accesa "Una luce per Aleppo"

La grande musica come linguaggio universale attraverso cui veicolare i valori della pace, dell’accoglienza, della tolleranza e dello sguardo attento su chi vive il dramma della guerra e della persecuzione. Con questi intenti venerdì 3 luglio il suggestivo scenario naturale della Cava di Roselle ospiterà “Concerto insieme”, serata musicale promossa dalla Fondazione Grosseto Cultura e Orchestra città di Grosseto con la collaborazione della cooperative Uscita di sicurezza.

La serata, inserita nel cartellone “Concerti alla Cava 2015”, è diventata l’occasione per sperimentare una felice e fruttuosa collaborazione tra la Fondazione Grosseto Cultura e la Diocesi di Grosseto in vista della celebrazione della festa di San Lorenzo, patrono della città e della Chiesa di Grosseto. “Concerto insieme”, infatti, abbinerà alla grande musica un messaggio di attenzione e di solidarietà ai cristiani di Aleppo, la martoriata città siriana emblema della violenza cieca che si sta abbattendo su quella regione e sul medioriente a causa del fanatismo religioso e dell’estremismo.

Attraverso il concerto, dunque, la Diocesi e il Comune apriranno idealmente il mese che prepara alla festa del patrono.  Grazie alla musica sarà veicolato un messaggio di pace rivolto alla drammatica situazione che sta vivendo la Siria, terra dove la Chiesa di Grosseto è impegnata da tempo perché i cristiani e non vivono la dolorosa situazione di essere perseguitati, costretti a fuggire, a lasciare le loro case per cercare riparo altrove.  In particolare, la diocesi ha stretto un rapporto di affetto e di condivisione con la martoriata città di Aleppo, dove nella parrocchia latina operano i frati francescani.

“La serata del 3 luglio – ha commentato il presidente della Fondazione Grosseto Cultura, Loriano Valentiniha origine dalla collaborazione intessuta con la Diocesi in vista della festa di San Lorenzo. E’ per noi molto bello poter mettere a disposizione questa serata di musica per dedicarla ai cristiani di Aleppo e alla parrocchia francescana che sta fronteggiando la drammatica situazione della Siria. Usare la musica come veicolo di valori universali contro la violenza cieca è un motivo di fierezza, convinti che possiamo contribuire ad aiutare la nostra comunità a riflettere evitando di dimenticare facilmente ciò che accade attorno a noi”.

“Quando lo scorso anno – ha spiegato il vescovo Rodolfoabbiamo lavorato alla festa di San Lorenzo ci siamo chiesti che cosa potesse essere utile a far percepire a tutti che questo momento celebrativo ha da dire qualcosa di importante ad ognuno. Abbiamo attinto alla vita stessa del nostro patrono, che si è dato tutto ai poveri. Attorno a noi ci sono tante forme, vecchie e nuove di povertà di cui vogliamo farci carico, ma quest’anno vorremmo aiutarci tutti insieme anche ad allargare lo sguardo, ad avere un respiro più ampio. E’ così che rilanciamo la proposta di Una luce per Aleppo, che nasce dall’aver intessuto relazioni di affetto e di amicizia con chi, in quella città provata dalla violenza e dalla miseria, sta cercando di mantenere accesa la fiammella della speranza. Pochi mesi fa abbiamo avuto tra noi il parroco di Aleppo, fr. Ibrahim Alsabagh; attraverso le feste di San Lorenzo vogliamo continuare ad alimentare l’amicizia e l’affetto nato con lui e coi cristiani della sua comunità. La cosa più terribile per una persona è percepire di non interessare a nessuno – ha proseguito il vescovo Rodolfo – ecco perché vogliamo tenere accesa la luce su Aleppo: per chi lì vive il dramma quotidiano della violenza e per noi, perchè stiamo attenti a ciò di cui ci preoccupiamo”.

Sul palco della Cava, venerdì 3 luglio alle 21.15, saliranno: la Società Filarmonica Città di Grosseto, la Società Corale Giacomo Puccini, i ragazzi dell’Istituto Musicale Comunale Palmiero Giannetti, l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto e i Briganti di Maremma. Sarà ospite la Jazz Workshop Orchestra. Nel corso della serata ci sarà l’appello-testimonianza del vescovo Rodolfo, mentre sarà eseguita l’Alleluja di Handel come espressione ed augurio di speranza.

Musica di qualità in un palcoscenico naturale particolarmente suggestivo – ha sottolineato il sindaco Emilio Bonifaziper passare una serata diversa ma anche per cogliere l’opportunità di riflettere su un tema di attualità, come quello del dramma vissuto in questo momento dalla Siria, attraversata da una guerra e da un odio che confermano quanto l’uomo faccia spesso molta fatica ad imparare dai suoi stessi errori. Parlarne ed operare concretamente con azioni di solidarietà – ha proseguito il primo cittadino – ci consente anche di far passare un messaggio quanto mai necessario ai giorni nostri; quello della solidarietà tra esseri umani in quanto tutti parte della stessa famiglia”.

Biglietti: intero 10 euro; ridotto studenti (per ragazzi tra i 14 e i 18 anni) 5 euro; gratis per gli under 14

Per info e prevendite:

Fondazione Grosseto Cultura – Via Bulgaria 21 Grosseto – telefono 0564-453128 – promozione@fondazionegrossetocultura.it – www.fondazionegrossetocultura.it.

Rolling Store – Via Goldoni 21 Grosseto – telefono 0564-22491.