Condividi

Il vescovo Rodolfo alla cerimonia inaugurale del 18° campionato nazionale di atletica leggera del Csi

Il vescovo Rodolfo alla cerimonia inaugurale del 18° campionato nazionale di atletica leggera del Csi

Durante la cerimonia un momento di silenzio per i ragazzi che hanno perso la vita fuggendo dalle guerre, dalla paura, dalla fame

Il vescovo Rodolfo questa mattina ha portato il suo saluto agli oltre 1200 atleti giunti allo stadio comunale “Carlo Zecchini” di Grosseto per partecipare al 18° campionato nazionale di atletica leggera del Centro Sportivo Italiano.

Accompagnato dal consulente ecclesiastico del Csi Grosseto, don Mirko Scoccati, mons. Cetoloni ha ringraziato i dirigenti per aver scelto, per il secondo anno consecutivo, Grosseto per le tre giornate di gara, “una manifestazione che colora di festa la città e che rappresenta il segno evidente della vivacità del Centro Sportivo Italiano”.

All’augurio che sulla pista “vinca il migliore”, il vescovo Rodolfo ha voluto unire l’apprezzamento per la scelta degli organizzatori di aprire la cerimonia inaugurale, dopo la sfilata degli atleti, con un momento di silenzio per i bambini e i ragazzi che anche in questi giorni hanno perso la vita nel tentativo di fuggire dalla guerra, dalla fame, dalla paura. “E’ un bel gesto, che esalta lo sport come esperienza di crescita attraverso i valori che forgiano anche la sensibilità dell’uomo. Grazie per questo pensiero verso quei ragazzi e giovani che non possono gareggiare in una competizione sportiva, né vivere la spensieratezza della loro età”.

Il campionato, iniziato questa mattina, proseguirà fino a domenica 6 settembre, quando alle 11.45 allo stadio “Zecchini” sarà celebrata la Messa dal consulente ecclesiastico nazionale del Csi, don Alessio Albertini.

In gara, come detto, oltre 1200 atleti (695 maschi e 551 femmine) in rappresentanza di 101 società sportive, 28 comitati provinciali, 11 regioni.