Condividi

Al via la 48^ Festa di Santa Lucia dedicata al nuovo umanesimo. Nello spazio incontri il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, tra gli ospiti musicali il cantautore Fabrizio Moro

Al via la 48^ Festa di Santa Lucia dedicata al nuovo umanesimo. Nello spazio incontri il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, tra gli ospiti musicali il cantautore Fabrizio Moro

Dal 17 al 27 settembre nel parco P. Vittore Lino Parri tanti momenti di incontro, spettacoli, musica, convivialità

E’ tutto pronto perché si alzi il sipario sulla Festa di Santa Lucia, manifestazione promossa dalla Parrocchia di Santa Lucia del quartiere Barbanella-Verde Maremma attraverso l’omonima associazione di volontariato.

“Sono passati 48 anni – ha ricordato il parroco p. Lamberto Fantoni, Ofm Capp. che con altri 4 confratelli cappuccini guida la parrocchia di Santa Lucia – la ‘creaturina’ è diventata adulta, ma ha mantenuto la solita giovinezza e freschezza. Una festa semplice, povera, umile: nata, infatti, nel 1967 come giornata parrocchiale nello spazio del piazzale De Amicis (il “piazzalone”) in un quartiere di periferia, nel corso degli anni è cresciuta sempre di più nei giorni, negli spazi, ma soprattutto nei contenuti, sino a diventare una bella festa della fede, dell’amicizia, della fraternità vissuta e sperimentata attraverso tante proposte, che hanno come teatro il parco p. Vittore Lino Parri, il frate cappuccino primo parroco di Santa Lucia e ideatore della festa stessa. Intatto – ha continuato p. Lamberto – è rimasto il senso: una festa nata attorno al campanile – simbolo negli anni ’60 di una zona a forte densità di immigrazione – per fare e sentirsi comunità. Oggi più che mai si deve ricreare e vivere in una società che comunica solo attraverso la tecnica… E’ per questo bello che il tema di quest’anno sia il nuovo umanesimo, che poi è l’umanesimo di sempre: l’esaltazione del valore e della dignità dell’uomo, il suo essere relazionale. La festa di Santa Lucia – ha concluso il parroco – non è una sagra, ma appunto una festa nel pieno significato del termine, quindi gioia, allegria, accoglienza calorosa e cordiale dell’altro. L’augurio è che gli inventori di questo momento così bello, ora in cielo, siano soddisfatti”.

Quest’anno la festa prenderà il via il 17 settembre con la processione in onore di Santa Lucia per le vie del quartiere, la benedizione al parco, il taglio del nastro e la cerimonia di intitolazione del ristorante a Simone Pellegrini, il giovane della Gifra (Gioventù francescana) prematuramente scomparso lo scorso dicembre e che del ristorante per tanti anni è stato colonna insostituibile.

La festa si chiuderà domenica 27.

In dieci giorni oltre 200 volontari si alterneranno nei vari settori (cucina, ristorante, bar, pesca di beneficenza), ma anche in tanti servizi spesso poco visibili, che però consentono la buona riuscita della manifestazione rivolta a tutti e per tutti. E’ stato calcolato che nei dieci giorni della festa si siedono al ristorante non meno di 6mila persone e molti di più sono coloro che trascorrono del tempo nel parco o partecipano alle varie iniziative in programma.

Anche quest’anno il percorso di organizzazione è partito in inverno e si concluderà, di fatto, solo quando calerà il sipario sulla 48esima edizione, che propone momenti di spiritualità, di approfondimento, spettacoli e musica con grandi nomi. A partire dai Neri per caso che si esibiranno in concerto sabato 19 alle 22 (ingresso libero) e dal cantautore Fabrizio Moro, che sabato 26 settembre chiuderà alla Festa di Santa Lucia il suo “Tour delle girandole” iniziato a giugno (ore 22, ingresso libero).

Filo conduttore di questa edizione sarà il tema dell’umanesimo in Cristo Gesù, su cui la Chiesa italiana si confronterà nel prossimo Convegno di Firenze dal 9 al 13 novembre. Il programma della festa cerca di raccontare l’umanità bella che sta dietro il cammino della comunità parrocchiale di Santa Lucia. Il tema sarà approfondito sotto più sfaccettature. Tra gli ospiti attesi anche il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, che sarà alla Festa martedì 22 settembre alle 21.

Ogni giorno momenti di preghiera, di incontro per grandi e piccini, musica e spettacoli dal vivo.

Per saperne di più e seguire passo dopo passo la festa è possibile visitare il sito internet www.festadisantalucia.it e la pagina facebook della festa www.facebook.com/FestadiSantaLuciaGrosseto, dove già da giorni è stato postato il promo ufficiale della 48^ edizione.

“Questa Festa è uno spazio aperto che la Parrocchia di Santa Lucia mette a disposizione di tutti – dicono Massimiliano Tulipano, Franco Crovetti e Giovanni Privato, che compongono la presidenza collegiale dell’associazione S. Lucia – In dieci giorni offriamo momenti di riflessione e approfondimento, spettacoli dqualità, musica dal vivo, iniziative ricreative e convivialità e quest’anno vogliamo farlo avendo come faro questa frase contenuta nella traccia preparatoria al Convegno che la Chiesa italiana celebrerà a Firenze a novembre: Se l’umano e il divino sono uno in Cristo Gesù, è da Lui che l’essere umano riceve piena luce e senso. Bastano davvero queste parole per raccontare lo spirito con cui desideriamo vivere la Festa, prima di tutto noi che la organizziamo. Tanti anni, tanti volti, tante storie, una molteplicità di relazioni che si sono intrecciate e che in modo concreto hanno narrato e tratteggiato l’umanità che, attingendo a Gesù vero Dio e vero uomo, ha imparato chi è autenticamente. Anche quest’anno abbiamo cercato di mettere in piedi un programma che racconti questo desiderio di umanità bella che sta dietro al cammino di una comunità parrocchiale e la Festa è il nostro modo di abitare il quartiere di Barbanella, la città, la Chiesa di Grosseto, per lanciare un messaggio semplice e genuinamente francescano di pace e bene”.

Il programma

  • Giovedì 17 settembre

 

ore 21 Processione in onore di S.Lucia per le vie del quartiere (dalla chiesa). Arrivo al parco p. Vittore Lino Parri, taglio del nastro e intitolazione del padiglione-ristorante a Simone Pellegrini

  • Venerdì 18 settembre

 

Apertura stands espositivi, fiera di beneficenza, bar e ristorante

Ore 17.30 tenda dell’incontro: “A metà strada”, incontro-testimonianza dei “Ragazzi della domenica sera” della Parrocchia Snta Maria al Giglio di Montevarchi. I giovani hanno realizzato un video che racconta un viaggio alla scoperta di alcune esperienze e realtà di nuovo umanesimo realizzate grazie alle Reti della carità. Tra le tappe di questo viaggio anche Grosseto.

Ore 21 palco della festa CMM music evolution-storie e contaminazioni della musica moderna nel mondo

Docenti e allievi della scuola di musica CMM di Grosseto insieme per un percorso musicale intorno al mondo e tra periodi diversi

  • Sabato 19 settembre

 

Ore 17.30 tenda dell’incontro: “Umani attraverso la bellezza”, a colloquio con Andrea Fagioli, direttore di Toscana Oggi e don Alessandro Andreini della comunità di san Leolino (Fiesole) e delegato Cultura della Conferenza Episcopale Toscana

Ore 21 palco della festa: Due chitarre per caso- Salvo Falcone e Superpippo Gabellini.

Salvo Falcone, diplomato al conservatorio Cherubini di Firenze, è specializzato in chitarra acustica fingerstyle, presenterà il nuovo singolo “L’oro, la seta”. Antonio Superpippo Gabellini, diplomato in contrabbasso e percussioni al conservatorio Rossini di Pesaro, ha preso parte come batterista ai tour di alcuni tra i più noti cantanti anni ’70 e non. Negli ultimi anni riversa la sua irruenza ritmica sulla chitarra

Ore 22 NERI PER CASO IN CONCERTO

Il più famoso gruppo a “cappella” della musica leggera italiana alla Festa di S.Lucia per una serata di grande musica. Divenuti popolarissimi nei primi anni ’90 dopo la partecipazione al Festival di Sanremo con “Le ragazze”, hanno bissato con “Mai più sola”, che li ha lanciati anche in America Latina. Nel 2008 l’album con altri colleghi come Mango, Biondi, Baglioni, Neffa, Dalla, Paoli…sempre a capella

  • Domenica 20 settembre

 

Ore 11.15 S. Messa solenne presieduta dal Vescovo Rodolfo, che amministrerà le Cresime. Anima il coro parrocchiale Santa Lucia

Ore 17.30 e 21 Palco della festa: V S.Lucia Dance Fest, rassegna di danza con sette scuole della città: Area Danza, Arte Danza, Dance System, Odissea 2001, Asd Europa Danza, Progetto Danza, Sesta Arte. La prima parte dello spettacolo (fino alle 19.30) con i bambini; dalle 21 la rassegna coinvolgerà gli adulti.

Ore 18 tenda dell’incontro: Fumettisti si diventa, laboratorio per grandi e piccini con l’associazione Arteinvisibile

  • Lunedì 21 settembre

 

Ore 21 tenda dell’incontro A tu per tu col sindaco: la città, la bellezza, l’umanità

Ore 21 palco della festa: serata danzante con Lello e Ivana

  • Martedì 22 settembre

 

Ore 21.15 tenda dell’incontro “Siamo umani!”, a colloquio con Marco Tarquinio, direttore del quotidiano Avvenire, giornalista e consulente del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali. Una serata per rispondere alla domanda di Dio: “Uomo dove sei?”

  • Mercoledì 23 settembre Giornata dei malati e degli anziani

 

Ore 16 in chiesa Messa per i malati e gli anziani

Ore 17 Game zone, animazione per bambini con l’associazione Fantasia

Ore 21.15 palco della festa “Rock Junkies”, serata di musica rock anni ’60-70-80 con la band formata da 8 elementi

  • Giovedì 24 settembre

 

Dalle 17 Game zone, animazione per bambini con l’associazione Fantasia

Ore 18 tenda dell’incontro, presentazione agli abitanti di Barbanella dell’associazione Mutua per la Maremma-nuovi modelli di welfare sussidiario per le famiglie

Ore 21 palco della festa musica in piazza con “Stefania e i variabili”

  • Venerdì 25 settembre

 

Ore 18 tenda dell’incontro “Origami: animali di carta”, laboratorio artistico con l’associazione Arteinvisibile

Ore 21.15 palco della festa: Time out, tributo ufficiale a Max Pezzali/883

Alla festa la prima tribute band ufficiale di Max Pezzali, con cui hanno duettato nel 2009 a Roma e nel 2012, nel videoclip ufficiale della canzone “6/1/sfigato 2012”, in rotazione su Mtv e nelle maggiori music-tv italiane

  • Sabato 26 settembre

 

Ore 17.30 Tenda dell’incontro “L’umano e l’Europa”. Colloquio con don Enzo Capitani, direttore della Caritas diocesana e con il consigliere regionale Leonardo Marras

L’Europa, per secoli culla di civiltà, pioniera in molti campi, oggi sembra attraversata da una profonda crisi di identità. Ha smarrito le sue radici e sembra incapace di essere motore di un nuovo umanesimo anche rispetto alle emergenze umanitarie che deve fronteggiare. Crisi culturale? Crisi politica? Crisi di valori?

Ore 22 palco della festa – FABRIZIO MORO Tour delle Girandole 2015

Il cantautore romano chiude alla Festa di Santa Lucia il suo tour estivo con una serata di grande musica dal vivo, da non perdere. Esploso nel 2007 con “Pensa”, canzone dedicata alle vittime della mafia con cui vince il Festival di Sanremo-categoria giovani e il premio della critica, Moro nel 2008 pubblica il cd “Domani”, che diventa disco d’oro in pochi mesi grazie anche al singolo “Libero” che diventa la sigla della serie tv “I liceali”. Per Noemi scrive “Sono solo parole”, che le vale il terzo posto a Sanremo 2012. Nello stesso anno fonda “La fattoria del Moro publishing”, etichetta discografica e agenzia di management per finanziare i suoi progetti, i suoi tour, e band emergenti. Il suo ultimo lavoro è “Via delle girandole 10”.

Aprirà il concerto Sofia Mancino

  • Domenica 27 settembre

 

Ore 10 Solenne concelebrazione eucaristica presieduta da p. Stefano Baldini Orlandini, ministro provinciale dei Frati Minori Cappuccini della Toscana e benedizione dei bambini e delle gestanti con l’olio di San Felice

Ore 18 palco della Festa: 31° festival canoro baby, la rassegna canora più attesa della Festa, in cui ogni bambino può esibirsi cantando le canzoni più in voga. Con la simpatia di Lello e Ivana, insieme ai ragazzi della Gioventù Francescana, sul palco un momento ricco di emozioni, risate, e musica

A seguire musica in piazza con Lello e Ivana.

 

  • Ogni pomeriggio nella tenda della preghiera Rosario comunitario alle 17; in chiesa S.Messa alle 19 con meditazione di p. Samuele Duranti

 

Ristorante aperto tutte le sere, la domenica anche per il pranzo