Condividi

“Le famiglie illuminano il Sinodo”: anche da Grosseto, sabato 3 ottobre, in piazza san Pietro alla veglia con Papa Francesco

“Le famiglie illuminano il Sinodo”: anche da Grosseto, sabato 3 ottobre, in piazza san Pietro alla veglia con Papa Francesco

Le proposte delle Parrocchie per coloro che non potranno essere a Roma. A tutti l'invito ad accendere un piccolo lume sul davanzale di una finestra

Tutto pronto, in piazza San Pietro, per la veglia di preghiera con Papa Francesco alla vigilia dell’apertura del Sinodo ordinario dei Vescovi dedicato alla famiglia. L’iniziativa, che avrà inizio sabato 3 ottobre alle ore 18 per concludersi alle 19.30, è promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana attraverso l’ufficio nazionale di pastorale familiare e in qualche modo si lega all’incontro mondiale delle famiglie, vissuto pochi giorni fa a Philadelphia, negli Stati Uniti.

Anche alcune famiglie di Grosseto saranno in piazza San Pietro, assieme ai responsabili diocesani dell’ufficio di pastorale familiare Raffaello e Donatella Trusendi.

L’invito alla preghiera è comunque rivolto a tutti, assieme alla richiesta di un compiere un piccolo gesto nella propria casa: l’accensione di un lumino, nella sera di sabato 3 ottobre, sul davanzale di una finestra, come segno di comunione con tutta la Chiesa per questo importante momento.

L’Ufficio nazionale di pastorale familiare, diretto da don Paolo Gentili, ha preparato anche un piccolo sussidio di preghiera da effettuare nella comunità domestica. Al tramonto del sole la famiglia è invitata a riunirsi in casa per la preghiera. Dove possibile, il suggerimento è di vivere questo momento con altre famiglie o con persone del vicinato. Il momento di preghiera è strutturato in maniera molto semplice e prevede, oltre all’ascolto di un brano del Vangelo, all’invocazione dello Spirito Santo e la preghiera alla Santa Famiglia per il Sinodo anche due gesti: l’accensione del lume e la sua collocazione sul davanzale di una finestra e il segno della croce che i genitori sono invitati a tracciare sulla fronte dei loro figli come hanno fatto nel giorno del Battesimo.

In Diocesi alcune Parrocchie propongono iniziative di preghiera:

  • Parrocchia Santa Famiglia (via Unione Sovietica): alle 18, in chiesa, collegamento video in diretta con piazza San Pietro per seguire la veglia con Papa Francesco. Al termine, ai presenti sarà consegnato un lumino da portare ed accendere a casa
  • Parrocchia Addolorata (via Papa Giovanni XXIII): sul bancone in fondo alla chiesa, da giorni sono pronti il sussidio di preghiera della Cei e i lumini, che ogni famiglia può ritirare e portare a casa, per celebrare questo momento di preghiera. Alla fine della Messa prefestiva delle ore 18 sarà acceso un lume davanti alla chiesa
  • Parrocchia Sacro Cuore (via della Pace): il gruppo famiglie della comunità parrocchiale trascorrerà i giorni del 3 e 4 ottobre in ritiro a Pienza, dove, nella serata di sabato, vivrà il momento di preghiera in comunione con Papa Francesco
  • Parrocchia del Cottolengo (via Scansanese): i sacerdoti danno appuntamento a coloro che vorranno, sabato 3 ottobre alle 18.15 presso la statua della Madonna, nel piazzale della Parrocchia, dove sarà celebrato un momento di preghiera per la famiglia e per il Sinodo
  • Parrocchia di San Francesco (piazza san Francesco): alle 21.15, insieme al vescovo Rodolfo, si riuniranno tutte le componenti francescane presenti in Diocesi per celebrare il Transito (ovvero il ricordo della morte) di san Francesco, nella vigilia della sua festa liturgica, e in quel tempo di preghiera sarà consegnato un piccolo lume a tutti i presenti da portare a casa in comunione con la Chiesa tutta. L’incontro di preghiera è aperto a chiunque voglia partecipare
  • Parrocchia S.Maria Assunta di Buriano la comunità parrocchiale ha anticipato a giovedì 1 ottobre la preghiera per il Sinodo, in occasione del consueto momento mensile. In questa circostanza è stato usato il sussidio messo a disposizione dall’ufficio famiglia della Cei.

Scarica lo schema di preghiera “le famiglie illuminano il mondo”