Condividi

Convegno Ecclesiale nazionale di Firenze: ecco la delegazione della Diocesi di Grosseto

Convegno Ecclesiale nazionale di Firenze: ecco la delegazione della Diocesi di Grosseto

Con il vescovo Rodolfo cinque laici espressione di vari ambiti pastorali della comunità ecclesiale

Una coppia di sposi, Mirko e Natascia Santiccioli; un’insegnante, Paola Biondo; una giovane, Laura Pettini; un operatore della comunicazione, Giacomo D’Onofrio. Sono i cinque laici che insieme al vescovo Rodolfo rappresenteranno la Diocesi di Grosseto a Firenze, dove dal 9 al 13 novembre si celebra il V° Convegno nazionale della Chiesa italiana “In Gesù Cristo il nuovo umanesimo”.

Il Convegno porterà a Firenze oltre 2mila delegati, espressione delle Diocesi sparse per l’Italia, ma anche di movimenti, associazioni, aggregazioni, realtà cattoliche, che per cinque giorni si confronteranno sul tema del nuovo umanesimo declinato attraverso le “5 Vie” o 5 verbi individuati dal comitato organizzatore e attorno ai quali, da oltre un anno, le Chiese che sono in Italia si stanno preparando: Uscire, Annunciare, Abitare, Educare, Trasfigurare.

I Convegni ecclesiali nazionali si tengono ogni dieci anni. Il precedente, fu a Verona.

“Il Convegno di Firenze, come tutti quelli che lo hanno preceduto – commenta il vescovo Rodolfo – è prima di tutto un grande momento di Chiesa, quindi di comunità di persone in cammino, costantemente tesi alla ricerca di percorsi sempre più coerenti, coraggiosi e credibili di testimonianza della Buona Notizia di Gesù nel tempo. In particolare il Convegno che si apre a Firenze rappresenta un’opportunità davvero importante per ritornare alla fonte, cioè alla visione di uomo e di donna che ci viene da Vangelo. Non abbiamo proposte da fare se non questa, radicale, fontale da cui poter trarre ed offrire delle scelte per il nostro Paese. Vado a Firenze – continua mons. Cetoloni – con l’aspettativa di trovare una Chiesa desiderosa di buona umanità, ripartendo da Gesù. Ci attende una riflessione seria, che ci rimandi a quello che siamo e a quello che siamo chiamati ad annunciare. C’è infatti continuamente bisogno di orientare e tenere fisso il nostro sguardo sul Signore per saper guardare all’uomo con cura, premura, misericordia, gioia, passione. Penso che questi giorni possano regalarci l’immagine di una Chiesa profondamente interessata a convertire metodi, approcci, stile, per andare verso l’uomo”.

La delegazione grossetana, nei giorni del Convegno alloggerà presso il convento di Frati Cappuccini: una scelta dettata dal desiderio di fare di questi giorni anche una forte esperienza di comunità e di famiglia.

“Il criterio con cui la Diocesi, nella persona del Vescovo, ha individuato i propri delegati – spiega il vicario generale don Desiderio Gianfeliciè quello di persone che sono sul campo. Quello di Firenze sarà, infatti, un Convegno eminentemente pastorale, con grande spazio dato al confronto e alla riflessione dei delegati: ecco perché è significativa la scelta di persone che, stando dentro la vita ecclesiale e nel tessuto sociale, possano portare l’esperienza di questa Chiesa”.

Ogni delegato ha scelto un ambito (Via) attraverso il quale approfondire il tema dell’umanesimo. Per ciascuna Via saranno coinvolti circa 500 delegati (vescovi, sacerdoti e laici), a loro volta risuddivisi in macrogruppi da 100 coordinati da un moderatore e da microgruppi da dieci, coordinati da un facilitatore.

Tutto il convegno sarà in streaming e potrà essere seguito anche attraverso il sito www.firenze2015.it, i social media e l’apposita app scaricabile dal sito.

Per approfondire: www.firenze2015.it

I delegati: chi sono e quale Via hanno scelto per approfondire il tema del Nuovo umanesimo in Cristo Gesù

Vescovo Rodolfo 69 anni, guida la diocesi di Grosseto dal 10 agosto 2013.  E' frate minore francescano. Ha studiato a Gerusalemme, dove è stato ordinato sacerdote nel 1973. E' stato Ministro provinciale dei Frati Minori della Toscana; nel 2000 è stato nominato vescovo da san Giovanni Paolo II. Dal 2000 al 2013 ha guidato la diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza.

Al Convegno di Firenze ha scelto la via del "Trasfigurare"

Mirko e Natascia Santiccioli Sposati, genitori di due bambine, operatore del Ceis lui, nutrizionista lei, vivono il loro cammino di fede nella parrocchia Maria SS. Addolorata, nel quartiere Gorarella. Sono iscritti all'Azione Cattolica e fanno parte del progetto della Caritas diocesana "Famiglie solidali".

Al Convegno di Firenze lavoreranno in uno dei gruppi della via "Uscire"

Paola Lubrina Biondo Insegnante, sposata e mamma di una bambina, è preside della scuola media paritaria "Madonna delle Grazie" e dei licei classico e scientifico paritari "Chelli", scuole gestite dalla omonima Fondazione, espressione diretta dell'impegno della Diocesi nel campo educativo. Vive il suo cammino di fede nell'ambito dell'associazione Omnibus del Sacro Cuore di Gesù e nella parrocchia cittadina della Beata Madre Teresa di Calcutta, nel quartiere Cittadella.

Al Convegno di Firenze lavorerà in uno dei gruppi della via "Educare"

Laura Pettini 20 anni, è studentessa in Odontoiatria all'Università di Pisa. Cresciuta nella parrocchia della Santa Famiglia, a Grosseto, vive lì il suo cammino di fede, nel gruppo giovani e come animatrice dei ragazzini del dopo Cresima.

Al Convegno di Firenze lavorerà in uno dei gruppi della via "Abitare"

Giacomo D'Onofrio Sposato, 3 figli, cresciuto nella Gioventù Francescana, è il responsabile dell'ufficio comunicazioni sociali della Diocesi e del dorso diocesano del settimanale delle Chiese toscane "Toscana Oggi". Vive il suo cammino di fede nella parrocchia Santa Lucia del quartiere Barbanella-Verde Maremma, e nell'Ordine francescano secolare.

Al Convegno di Firenze sarà facilitatore in uno dei gruppi della via "Abitare"