Condividi

“Et salvi erimus”: in Cattedrale l’oratorio “Jonas” per riflettere sulla misericordia

“Et salvi erimus”: in Cattedrale l’oratorio “Jonas” per riflettere sulla misericordia

Concerto della corale Puccini con i solisti Gabriele Spina e Alessandro Carmignani. All'organ oJuan Paradell Solè, organista titolare della Cappella Musicale Pontificia "Sistina". Dirige il maestro Francesco Iannitti Piromallo, che ha composto l'oratorio

“Et salvi erimus”. Con queste parole si conclude l’oratorio “Jonas” composto dal maestro Francesco Iannitti Piromallo, che sarà eseguito venerdì 26 febbraio nella Cattedrale di Grosseto dalla Corale Puccini, che inaugura con una serata di grande musica la sua stagione concertistica 2016.

Il concerto avrà inizio alle 21.15 e si inserisce pienamente nel cammino del Giubileo della Misericordia. L’oratorio, infatti, narra della figura biblica di Giona e del suo rapporto con la misericordia di Dio.

Nel corso della serata saranno eseguite musiche di Molfino, Duruflè, Pergolesi, Mozart.

La straordinarietà della serata è data da tanti elementi diversi. In primo luogo l’oratorio composto dal maestro Iannitti; poi il privilegio di avere all’organo Juan Paradell Solè, organista titolare della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”. Egli suona regolarmente nelle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice nella Basilica Papale di San Pietro in Vaticano e nelle manifestazioni concertistiche della Cappella Musicale “Sistina”.

L’altro elemento di straordinarietà della serata saranno i due solisti: il baritono Gabriele Spina e il tenore Alessandro Carmignani. Spina, catanese, dopo gli studi di flauto e composizione presso l’Istituto Musicale “Vincenzo Bellini” della sua città ha intrapreso lo studio del canto, proseguito al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze con Rosanna Straffi, seguendo inoltre le lezioni di Paolo Washington. Ha poi conseguito la laurea triennale in Musica Vocale da Camera nella classe di Leonardo De Lisi, con massimo dei voti e lode.Ha preso parte a diverse  masterclass di Claudio Desderi,  e partecipato a quelle di Rockwell Blake, Nicola Beller Carbone, Paul Curran, Eva Marton. Carmignani, originario di Pisa, ha studiato al Conservatorio “Cherubini” di Firenze ha affiancato all’emissione tenorile quella da controtenore; dopo gli studi tradizionali si è perfezionato nella pratica della musica antica. Ha debuttato nel 1991 al Teatro “Verdi” di Pisa, nel “Rinaldo” di Handel, sotto la direzione di Piero Bellugi e nel famoso allestimento di Pier Luigi Pizzi. In seguito si è esibito nei più prestigiosi teatri e sale da concerto di tutto il mondo, e vanta circa 140 incisioni per varie case discografiche. Assieme ai due solisti, la Corale Puccini, tutti diretti dal maestro Iannitti Piromallo.

L’ingresso al concerto è libero. Le offerte raccolte saranno destinate alla Caritas diocesana.

“Grazie al Vescovo Rodolfo, alla Diocesi e al Capitolo della Cattedrale per l’ospitalità – dice la Società corale Puccini – Grazie a coloro che continuano ad aiutare a realizzare concerti che, oltre al piacere della musica, possano essere occasione di riflessione e di accrescimento”.