Condividi

Anche la Caritas tra i promotori della Slotmob Fest per dire no al gioco d’azzardo e alle slot machine

Anche la Caritas tra i promotori della Slotmob Fest per dire no al gioco d’azzardo e alle slot machine

Sabato 7 maggio l'iniziativa a Grosseto, dove è nata la rete tra soggetti pubblici e privati

Sostenere gli esercizi commerciali che non ospitano slot machine e sensibilizzare i cittadini contro il gioco d’azzardo: è con questi obiettivi che una serie di soggetti, pubblici e privati – tra cui la Caritas diocesana – aderiscono, sabato 7 maggio, alla Slotmob Fest, l’iniziativa lanciata dal movimento Slotmob alla quale hanno già aderito oltre 50 città italiane.
Anche Grosseto, quindi, farà la sua parte con una serie di appuntamenti che animeranno, per tutta la mattina di sabato, il centro storico cittadino. Obiettivo dell’evento non è solo quello di attirare l’attenzione su una vera e propria piaga sociale, spesso sottovalutata, ma anche lanciare un appello ad associazioni, rappresentati del Terzo settore ed esercenti perché entrino a far parte di una rete territoriale che possa promuovere azioni e fare prevenzione durante tutto l’anno.

I soggetti promotori dell’iniziativa

Soggetti pubblici, come il Coeso Società della Salute dell’area grossetana e l’Azienda sanitaria Toscana Sudest attraverso l’unità funzionale dipendenze, Caritas diocesana, cooperative sociali come Uscita di Sicurezza, Solidarietà è Crescita e Unicoop Tirreno, associazioni come Altracittà, Ceis, Bandus, circolo Arci Khorakhanè e Umanità nuova, esercizi commerciali come il Comix Cafè e il circolo bocciofilo di via Manetti.
L’idea è quella di fare rete per condividere le esperienze già fatte e mettere a frutto alcune buone pratiche individuate, per effettuare azioni informative e di prevenzione realmente efficaci.
La collaborazione tra questi soggetti è nata lo scorso anno, in occasione di un progetto promosso dal Liceo economico e sociale “Rosmini” di Grosseto: attraverso un programma di attività rivolto agli studenti delle scuole secondarie inferiori e superiori si è avuta coscienza dell’estensione del fenomeno e dell’importanza del coinvolgimento dei ragazzi, primi e più efficaci educatori dei loro coetanei.

Il programma del 7 maggio

Si inizia alle 8.30 con una colazione insieme nei bar che hanno detto “no” alle slot machine. L’idea, infatti, è quella di premiare, attraverso il consumo, gli esercizi commerciali che non accettano di vendere i prodotti dell’azzardo. Dalle 9 al Comix Cafè di piazza San Michele, giochi da tavolo insieme agli animatori dell’associazione Bandus, e al circolo bocciofilo di via Manetti, torneo di bocce e giochi di squadra seguiti da un istruttore qualificato. Alle 11.30 in piazza Duomo flash mob degli studenti di alcuni istituti grossetani; alle 12 conclusioni in piazza San Michele e aperitivo nei locali virtuosi della città. La manifestazione Slotmob Fest ha, inoltre, l’obiettivo di chiedere al presidente della Repubblica Sergio Mattarella una presa di posizione autorevole contro il gioco d’azzardo, perché il Governo e il Parlamento agiscano per avviare un confronto democratico su questo tema: chi vorrà, infatti, potrà firmare una lettera indirizzata al Presidente.

Come fare per aderire alla Rete

Chi fosse interessato ad aderire alla rete grossetana contro il gioco d’azzardo e volesse partecipare ai prossimi incontri per programmare attività può inviare una email a: info@coesoareagr.it

“L’economia del gioco d’azzardo è improduttiva e lo Stato si è legato le mani da solo, dandola in concessione. Eppure molto si può ancora fare per arginare il problema delle ludopatie”, sostiene il vice direttore della Caritas, Luca Grandi. Dall’inizio del 2015 ad oggi sono state 14 le persone vittime del gioco che si sono rivolte ai Centri di ascolto Caritas per risolvere la loro situazione debitoria anche se Caritas ha avuto evidenza del fenomeno già anni fa.  “Li sostenevamo economicamente, perché erano indebitati, poi li affiancavamo nel risolvere la loro dipendenza. Abbiamo infine capito che l’approccio deve invece essere inverso: se non si ricostruiscono le relazioni familiari e si rimane ostaggi del gioco, è inutile anche pensare a piani di rientro dai debiti. Si torneranno a prosciugare i conti correnti e a vendere i gioielli di famiglia…”.

Caritas, infine, non smette di chiedere alle Amministrazioni di porre limiti al numero di macchinette, distanza da zone sensibili, riconoscimento della responsabilità dei concessionari quando c’è una patologia da curare. “Possiamo poi lavorare molto sulla prevenzione e sull’educazione. Ci risulta che alcuni ragazzi inizino a scommettere già a 12 anni: online, dove è più difficile verificare la maggiore età dei giocatori. Nelle scuole spieghiamo loro che l’unico a vincere è il banco e che la vita si affronta contando sul proprio lavoro, non sperando in un colpo di fortuna che non arriverà mai”, conclude Luca Grandi.

I dati sul gioco d'azzardo in provincia di Grosseto

In Italia ogni anno si giocano 84,5 miliardi di euro e il gioco d'azzardo è la terza industria italiana per fatturato, dopo ENI e FIAT.

Secondo i dati forniti dal Ministero della Sanità, in Italia la percentuale di giocatori d'azzardo “problematici” è stimata tra l'1,5% ed il 3,8% della popolazione (ovvero almeno 900.000 persone), a cui è da aggiungersi un altro 2,2% di giocatori d'azzardo “patologici”. L'Italia stampa circa un quinto dei Gratta e vinci di tutto il mondo e detiene il record di apparati elettronici da gioco, circa 416.000 unità. A questi si aggiungono le video lotterie (50.000 unità) ed il mondo delle scommesse e dei giochi d'azzardo illegali, che in Italia fattura non meno di 23 miliardi di euro: un bacino enorme per il riciclaggio di denaro da parte della criminalità organizzata.

Il giocatore tipo (secondo l'AGIMEG, Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco) è di solito uomo (85%). Il 69% dei giocatori vive nelle regione del Centro-Sud e il 56% ha un'età compresa tra i 25 e i 44 anni. Nel 2015 il 59% dei giocatori si dedica a un’unica tipologia di gioco, contro il 57% del 2014 ed il 68% del 2013.

Per quanto riguarda la provincia di Grosseto, l'indagine EDIT dell'Agenzia Regionale di Sanità rileva che il 46% dei ragazzi grossetani tra i 14 e 19 anni hanno sperimentato il gioco d'azzardo, in linea con i giovani del resto della Toscana. I maschi giocano molto più delle femmine, ma Grosseto è uno dei territori toscani dove la percentuale di sperimentazione del gioco d'azzardo è la più bassa (il 46% conto il 47% del resto della regione.

L'indagine sugli stili di vita condotta dal Coeso SdS in un liceo cittadino nell'ambito del progetto “Giovani, alcol e stili di vita” sul 800 studenti di età media 15.8 anni ha rilevato che il 79% dei ragazzi gioca con il Gratta e Vinci, seguito da scommesse private (30%), biliardo o altri giochi di abilità (27%) e Superenalotto (25%).

Per quanto riguarda la presenza di newslot e videlottery nel Grossetano, i dati dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli mettono in luce che nel 2014 in provincia di Grosseto sono 463 gli esercizi commerciali che ospitano i dispositivi e che sono presenti 2.1 esercizio ogni 1000 residenti. Grosseto è la seconda provincia Toscana per presenza di esercizi, con dato superiore sia alla media regionale che nazionale.