Condividi

“C’è un tempo per rialzarsi”. Domenica 18 settembre colletta nelle chiese in favore delle popolazioni terremotate

“C’è un tempo per rialzarsi”. Domenica 18 settembre colletta nelle chiese in favore delle popolazioni terremotate

Subito stanziato un milione di euro dalla Cei; ora il gesto di carità diffusa da parte delle comunità ecclesiali per sostenere la speranza di chi ha perso tutto

Domenica 18 settembre nelle chiese della diocesi di Grosseto, così come in tutte le chiese d’Italia, si terrà la colletta nazionale in favore delle popolazioni del centro Italia tragicamente colpite dal terremoto il 24 agosto scorso.

Sarà una giornata di raccolta fondi e di preghiera per quelle popolazioni tanto provate.

Nelle ore successive al sisma, la Conferenza Episcopale italiana ha disposto l’immediato stanziamento di un milione di euro dai fondi dell’otto per mille per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali della gente. Nel contempo Caritas nazionale ha organizzato subito la propria presenza nelle zone colpite, affiancando la Protezione Civile.

La scelta di promuovere la colletta nazionale il 18 settembre non è casuale: si tratta, infatti, della giornata conclusiva del 26° congresso eucaristico nazionale. La colletta diventa, dunque, frutto della carità concreta e diffusa che deriva proprio da questo appuntamento ecclesiale così importante e segno di partecipazione ai bisogni delle popolazioni colpite dal terremoto.

Opportunamente, lo slogan scelto per promuovere la colletta nazionale è: “C’è un tempo per rialzarsi”. Sullo sfondo l’immagine di una costruzione crollata e di un Crocifisso tirato su con una corda, che con le sue braccia spalancate si carica di tutto il dolore che questo evento calamitoso ha prodotto. Attraverso la preghiera e la colletta, le comunità cristiane desiderano, infatti, sostenere la speranza e la fiducia nel futuro di chi oggi fa i conti con il dolore, la perdita degli affetti, delle proprie case e di tanti ricordi e ha bisogno di essere aiutato a immaginare il domani, guardando al volto di Gesù crocifisso, volto di misericordia.

Caritas diocesana fin dalle ore successive al sisma ha avviato già una raccolta in denaro. In queste settimane ammontano a circa 3mila euro le offerte pervenute, che sono già state inviate a Caritas nazionale per essere impiegate nelle prime azioni di aiuto.

“Tra le offerte ricevute in questi giorni – racconta Luca Grandi, vice direttore di Caritas diocesanac’è anche quella di una signora abitualmente sostenuta e aiutata dai nostri servizi, che ha voluto restituire la vicinanza di Caritas, offrendo anche lei quel che poteva per aiutare le popolazioni terremotate. Sono quei gesti belli e genuini, che sempre ci colpiscono e che ci mostrano il volto bello della solidarietà e della condivisione”.

La raccolta fondi proseguirà anche dopo la colletta di domenica. E’ possibile contribuire consegnando la propria offerta in denaro presso gli uffici di Caritas, in via Alfieri 11, dal lunedì al venerdì dalle 9 ale 12.30, oppure tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate:
IBAN IT 77W05034 1430 200000000 4384
Intestazione: Caritas diocesana Grosseto; causale: Terremo Centro Italia