Condividi

“Tutti là siamo nati”: Capodanno in Terra Santa

“Tutti là siamo nati”: Capodanno in Terra Santa

Pellegrinaggio delle diocesi della Toscana con due opzioni: 27 dicembre/3 gennaio oppure 28 dicembre/4 gennaio

“Tutti à siamo nati”. Utilizzando le parole del Salmo 86 , che danno il “respiro” di universalità e nello stesso tempo di unicità della città di Gerusalemme, le Diocesi della Toscana hanno lanciato il pellegrinaggio nei luoghi santi durante il tempo natalizio.

Le opzioni possibili sono due: dal 27 dicembre 2016 al 3 gennaio 2017 con l’organizzazione tecnica della Turishav, oppure dal 28 dicembre 2016 al 4 gennaio 2017 con l’organizzazione della Petroniana Viaggi.

L’iniziativa promossa dai Vescovi della Toscana si inserisce nel percorso avviato già da alcuni mesi per rilanciare i pellegrinaggi nei luoghi della salvezza: Da quel primo proposito è nato un impegno, sfociato in una prima importante riunione che si è tenuta il 28 aprile a Fiesole con delegazioni delle diocesi toscane e alla quale è intervenuto anche l’allora Custode di Terra Santa, p. Pierbattista Pizzaballa, Ofm, attuale arcivescovo titolare di Verbe e amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, per individuare le modalità con cui rilanciare i pellegrinaggi dalla Toscana verso Gerusalemme e i luoghi santi.

Nei primi giorni di giugno il vescovo Rodolfo assieme ad altri nove confratelli vescovi delle diocesi toscane è stato quattro giorni in Palestina per un primo contatto; poi il lancio del pellegrinaggio regionale

“Occorre rianimare le nostre comunità cristiane, ma anche le realtà civili alla possibilità del contatto con quella terra, così ricca da ogni punto di vista e che resta uno dei nuclei attorno a cui gira la storia, anche quella attuale. Gerusalemme – dice il vescovo Rodolfo – è radice fontale di gioia, perché Dio vi ha preso casa e lo ha fatto per me, per te, per ognuno, perché possiamo incontrarlo. Di sicuro Lui ha preso casa lì”.

Da questa consapevolezza, il titolo del pellegrinaggio: “Tutti là siamo nati”. Pellegrinaggio, dunque, come ritorno alle radici della nostra umanità oltre che della nostra fede. Pellegrinaggio senza farsi condizionare dalla paura.

La quota individuale di partecipazione è di 1.250 euro per gli adulti e di 925 euro per i bambini in camera con due adulti.

Nel dépliant scaricabile qui sotto tutti i dettagli.
Per info e iscrizioni: don Desiderio Gianfelici, curia vescovile, ogni giorno (sabato e domenica esclusi) dalle 10 alle 12.30. Telefono: 0564 29044; email: info@diocesidigrosseto.it o vicario@grosseto.chiesacattolica.it. E’ necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data del rientro.