Condividi

“La gioia dell’amore: luci e ombre nella famiglia”: percorso cinematografico curato da Fabio Sonzogni

“La gioia dell’amore: luci e ombre nella famiglia”: percorso cinematografico curato da Fabio Sonzogni

Iniziativa del circolo "Diecimuse" e dell'ufficio diocesano per la pastorale della cultura. Le proiezioni, dal 1 marzo al 31 maggio, nell'auditorium dell'Addolorata. Ecco come partecipare

Otto pellicole, otto prospettive, otto approcci attraverso i quali scandagliare “La gioia dell’amore: luci e ombre nella famiglia”. È questo il titolo che il circolo di cultura cinematografica “Diecimuse” e l’ufficio per il progetto culturale della Diocesi, diretto da don Roberto Nelli, hanno dato al percorso cinematografico che partirà il 1 marzo e che fino al 31 maggio offrirà a chi lo desidera la possibilità di riflettere, attraverso il linguaggio cinematografico, sul tema dell’amore in famiglia.

Le proiezioni si terranno alle 21 presso l’auditorium della parrocchia dell’Addolorata (via papa Giovanni XXIII) a Grosseto e vi si potrà partecipare solo acquistando la tessera del circolo “Diecimuse” al costo di 20 euro, che dà la possibilità di assistere a tutte le otto proiezioni.

Ad ideare e curare il percorso cinematografico è stato Fabio Sonzogni, attore e regista, che è anche il direttore artistico del Siloe Film Festival, che ogni anno, in estate, porta al monastero di Poggi del Sasso attori, registi, sceneggiatori, che si misurano su un tema di forte impatto dal punto di vista del significato e del tema che fa da traccia ad ogni edizione.

“Leggendo Amoris Laetitia di papa Francesco e pensando al cinema come scandaglio dell’umano – spiegano gli organizzatori del percorso cinematografico – il circolo Diecimuse ha organizzato la proiezione di otto film, ognuno dei quali racconta uno sguardo sulle dinamiche proprie della famiglia di oggi e forse di sempre. Quasi tutte le pellicole sono di matrice occidentale e capaci di indagare criticamente uno o più aspetti delle relazioni familiari. Sono squarci sul reale non edulcorato, capaci di evidenziare gli aspetti tragici e sereni, violenti e teneri, distruttivi e costruttivi….insomma, l’eterna fatica del vivere. Queste otto proiezioni sono tessere di un mosaico – concludono gli organizzatori – che forniranno la base su cui poggiare l’esortazione di papa Francesco, domande alle quali la gioia dell’amore può fornire una risposta”.

Ogni proiezione sarà preceduta da una breve introduzione e seguita da una discussione aperta.

Per informazioni sull’acquisto della tessera, gli interessati possono contattare la segreteria della parrocchia Addolorata: 0564.492107 oppure info@parrocchiaddolorata.it.

Scarica la locandina

Date e titoli delle proiezioni

1 marzo: La famiglia Bélier (E. Lartigau - 2014)
Ogni minuto della vita di una famiglia è un caleidoscopio di situazioni, di punti di vista, di realtà: L'unità del nucleo permette di affrontare scelte anche impensabili e di proporsi alle possibilità della vita.

22 marzo: Forza Maggiore (R. Östlund - 2015)
Gli eventi sono vissuti in modo diverso rispetto alle varie sensibilità. Esiste, allora, la possibilità di continuare un cammino comune dopo esperienze laceranti?

29 marzo: 45 anni (A. Haigh - 2015)
Il passato che rende fragile la coppia
Gli anni corrono. Geoff e Kate hanno alle spalle ben 45 anni di matrimonio che purtroppo non vengono festeggiati a dovere, perché quando meno se l’aspettano viene trovata la prima compagna di lui sepolta nelle Alpi …

5 aprile: Viaggio a Tokyo (Y. Ozu - 1953)
La vita è un eterno viaggio in cui la partenza e la fine tendono a congiungersi rinnovandosi in continuazione e sfumando il confine tra dovere e piacere, tra valori tradizionali e ritmi del presente.

19 aprile: Stop the pouding heart (R. Minervini - 2013)
Un'educazione chiusa e rigorosa protegge e prepara l'adolescente all'incontro con la realtà, oppure lo indebolisce?

3 maggio: Amour (M. Haneke - 2012)
L'amore e il dolore e la difficoltà di fronteggiare malattie, solitudini, incomprensioni.....situazioni frequenti di famiglie che sono costrette ad imparare umiltà, rispetto e difesa della vita propria ed altrui.

17 maggio: Leviathan (A. Zvjagincev - 2014)
Alleanza o conflitto tra i diritti dell'uomo e quelli dello Stato? Il tema riguarda l'aspro cammino dei cambiamenti di una società.

31 maggio: Human (Y. Arthus-Bertrand - 2015)
Opera pensata a lungo e realizzata nella maniera più originale e inconsueta per dare alle domande fondamentali della vita le risposte più "umane" e vere.

Orario: ore 21,00 presso l’Auditorium della parrocchia Addolorata (via Papa Giovanni XXIII; 4 a Grosseto)
Solo acquistando la tessera del Circolo Diecimuse (20 euro) si ha diritto alla visione di tutta la rassegna