Condividi

Notte Visibile: ecco le iniziative che coinvolgeranno la Diocesi il 16 settembre

Notte Visibile: ecco le iniziative che coinvolgeranno la Diocesi il 16 settembre

Conferenze e spettacolo teatrale in Cattedrale, legandolo all'iniziativa "ArtetraNoi"

Saranno tre gli appuntamenti che, a diverso titolo, coinvolgeranno la Diocesi sabato 16 settembre in
occasione della <+neroSchedaFascia>Notte Visibile della Cultura promossa da Fondazione Grosseto Cultura.

Il primo appuntamento si intitola «Il Duomo e Poggetti Vecchi»: dalle 18 alle  23 presso l’ufficio della Soprintendenza, in via  Mazzini 24, saranno aperti due ambienti al primo piano dell’ufficio
stesso dove saranno esposti i reperti più significativi dello scavo  del pozzo della Cattedrale e i visitatori potranno assistere ad una  dimostrazione di un intervento di restauro conservativo.

Alle 21 una conferenza sul Duomo.

Sempre alle 18, ma nella chiesa dei Bigi, in via Vinzaglio, Fabio Torchio, funzionario della Soprintendenza, presenterà il restauro della piccola statua lignea  raffigurante san  Sebastiano, conservata nella  chiesa di Roccatederighi. È opera dell’artista senese Antonio Rossi, risalente all’800. Alla conferenza interverrà anche Stefania Caloni della cooperativa Atlante, che ha eseguito il restauro per conto della Diocesi.

Infine alle 21.15 in Cattedrale un secondo appuntamento legato all’iniziativa «ArtetraNoi» e alla esposizione  della «Madonna con Santi»: l’attrice grossetana Francesca del Fa porterà in
scena “Mistero.  Gioia/Luce/Dolore/Gloria” per la drammaturgia e la regia di Fabio Sonzogni.

«Lo spettacolo – spiega Fabio Sonzogni – vuole essere una sfida: quella di raccontare i Misteri del Rosario con il corpo e con la voce.  Ho immaginato – continua – il percorso che una giovane donna di oggi  compie dalla scoperta di una gravidanza inattesa: prima i conflitti, quindi i mille punti interrogativi, i dubbi … attorno il silenzio della solitudine … un rimbalzo continuo tra dubbio e litania, tra domanda e testimonianza, fino alla catarsi finale, il quarto Mistero, la Gloria”.