Condividi

GrEst, Campi-scuola e altro: le esperienze estive nelle parrocchie

L’evento più atteso è quello che l’11 e 12 agosto porterà a Roma migliaia di giovani italiani per il grande abbraccio con papa Francesco in vista del Sinodo di fine ottobre dedicato proprio a loro.
Prima e dopo, però, saranno anche altri i momenti che la Chiesa di Grosseto proporrà ai ragazzi e ai giovani per riempire di contenuti e di senso il periodo estivo. Ormai mancano pochi giorni al suono dell’ultima campanella, per coloro che hanno gli esami scatterà il momento delle prove, per tutti gli altri, invece, sarà il via alla lunga estate di svago e relax. Uno svago che però non sarà senza una direzione per tutti quei giovani che si lasceranno coinvolgere in una delle iniziative in calendario.
I GREST
Come sempre, l’attività che ormai da anni segna l’inizio ufficiale dell’estate sono i GrEst, che quest’anno impegneranno le energie di otto parrocchie (Addolorata, Cottolengo, Beata Madre Teresa e Santa Famiglia, San Giuseppe, Roselle, Batignano, Castiglione della Pescaia), che metteranno a disposizione animatori e cuochi per offrire ai bambini due o più settimane di divertimento, non fine a se stesso, però, ma sempre orientato ad una crescita armonica, che tenga conto, cioè, dei bisogni legati alla crescita di ogni ragazzo. Le parrocchie Beata Madre Teresa e Santa Famiglia uniranno le forze e offriranno insieme l’esperienza del GrEst a circa 150 bambini, con una sessantina di animatori. A guidarli come tema sarà “Peter Pan e la ricerca del tesoro!”. Il GrEst nelle due parrocchie inizierà l’11 giugno fino al 23.
L’11 giugno segnerà l’inizio dei GrEst anche nelle comunità dell’Addolorata (fino al 29), Cottolengo (fino al 6 luglio) e Roselle (fino al 30). Il 18 giugno sarà la volta di Castiglione della Pescaia (fino al 29), mentre dal 25 giugno al 6 luglio il GrEst sbarcherà al San Giuseppe e dal 2 all’8 luglio a Batignano. In tutte queste parrocchie il tema scelto è ripreso dalla traccia usata negli oratori lombardi: “All’opera!”.
“Sarà – spiega don Marco Gentile – un percorso sulla partecipazione di ognuno di noi alla creazione. Lo approfondiremo utilizzando come scenari alcuni luoghi di lavoro: la falegnameria, la miniera, ma anche la moda. Avremo una giornata comune sul monte Amiata, giornate al mare e alcune uscite in cui porteremo i ragazzi a visitare una miniera, luogo di lavoro e a volte di sofferenza per molti maremmani, e poi a Vetulonia”.

LE ALTRE ESPERIENZE

Ricco anche il calendario dei campi-scuola. Nella parrocchia di San Francesco, dal 21 al 24 giugno i ragazzi di I e II media saranno in Garfagnana, mentre dal 2 al 7 luglio i ragazzi di III media e I superiore vivranno un’esperienza insieme alle Macinaie. Infine i «GioSanFra» dal 24 luglio al 4 agosto parteciperanno alla 38^ marcia francescana. L’Azione Cattolica diocesana propone due campi Acr al convento Incontro di Bagno a Ripoli: 9-13 luglio per le elementari; 13-17 per le medie. I giovani e giovanissimi, invece, dal 2 al 6 agosto saranno a Torsoli per il
campo diocesano. Nella parrocchia di Santa Lucia dal 12 al 17 luglio campo per i cresimandi, mentre dal 26 al 29 luglio campo Araldini ad Arcidosso. Per gli adolescenti, oltre all’esperienza col Papa a Roma, sarà offerto anche un mini ritiro di tre giorni (27-29 agosto) a La Verna. Sarà il Passo del Tonale, invece, la meta dei giovani delle parrocchie Beata Madre Teresa e Santa Famiglia, che vivranno il loro campo dal 19 al 25 agosto.
Zaino in spalla, poche cose con sè, scarpe buone, gambe ben allenate, dal 3 al 17 luglio undici ragazzi tra i 15 e i 25 anni dei licei Chelli e della parrocchia dell’Addolorata si metteranno in cammino, come pellegrini, verso Santiago de Compostela. L’esperienza formativa coinvolgerà anche tre insegnanti (don Pier Mosetti, don Marco Gentili e Claudia Gennari) e una religiosa, suor Miriam di Grande, delle suore di Sant’Anna, che condivideranno coi ragazzi questa esperienza spiritualmente ed emotivamente molto forte. I pellegrini effettueranno il cosiddetto cammino primitivo, che si ritiene sia stato il primo itinerario Giacobeo di cui si hanno informazioni.