Condividi

Raccolta di San Lorenzo: nella prima giornata riempite 287 scatole per oltre 3200 chili di cibo

Raccolta di San Lorenzo: nella prima giornata riempite 287 scatole per oltre 3200 chili di cibo

46 i volontari impegnati in 4 punti vendita Coop fra Grosseto e Castiglione della Pescaia. Sabato 4 agosto si bissa nei punti vendita Conad, Simply e Todis

E’ stata generosa e diffusa la risposta dei maremmani alla prima giornata della quinta edizione della “Raccolta di San Lorenzo”, il gesto di carità legato alla festa di san Lorenzo, patrono della città e della diocesi di Grosseto.

Da questa mattina poco dopo le 8 fino a stasera alle 20 sono state riempite 287 scatole, pari a oltre 3200 chili di cibo a lunga conservazione (pasta, riso, zucchero, olio ecc…) che sono già stati stoccati nella sede della Bottega della solidarietà, l’emporio con cui Caritas dà modo a circa 80 famiglie in stato di indigenza di poter fare gratuitamente la spesa, grazie ad una tessera a punti e ad un percorso di presa in carico.

Sono stati 46 i volontari, coordinati dal vice direttore di Caritas, Luca Grandi, impegnati nell’arco della giornata nei punti vendita Coop di Castiglione della Pescaia e di via Emilia, via Inghilterra e centro commerciale Maremà a Grosseto. Con indosso la pettorina verde con la scritta Caritas diocesana, i volontari, molti dei quali giovani, hanno accolto all’ingresso dei supermercati coloro che si recavano a fare la spesa invitandoli ad aderire alla Raccolta e hanno poi ritirato quanto la gente spontaneamente ha voluto acquistare e donare alla Caritas. Alcuni di loro si sono dedicati all’impegnativo servizio, più volte nella giornata, del ritiro degli scatoloni riempiti nei singoli punti vendita.

Il vescovo Rodolfo, assieme al direttore di Caritas, don Enzo Capitani, nel corso della mattina ha fatto visita a tutti i volontari per incoraggiarli e ringraziarli del loro servizio e per consegnare ai direttori dei singoli punti vendita una targa con su scritto “Raccolta di San Lorenzo 2018. Avevo fame…mi avete dato da mangiare”, frase ripresa dal Vangelo. Al Maremà ha portato il suo saluto ai volontari anche l’assessore comunale alle politiche sociali Mirella Milli, a testimonianza di come la Raccolta di San Lorenzo sia frutto dell’impegno di tante realtà (Diocesi, Comune, associazioni) che insieme ogni anno costruiscono la festa del patrono.

Sabato 4 agosto la seconda giornata della Raccolta: si potrà fare la spesa per la Bottega della solidarietà nei supermercati Conad di via Clodia, via Senegal e del centro commerciale Maremà, al Simply di via Einaudi e via Scansanese e al Todis di via Repubblica dominicana, a Grosseto.

“Ogni anno – sottolinea il vescovo Rodolfo – l’organizzazione della Raccolta di San Lorenzo richiede tanto impegno e dedizione, per i quali ringriazio ognuno dei volontari che generosamente si mettono a disposizione. L’impegno, però, vale perchè questo gesto ci permette di ricordare a tutti che i poveri sono fratelli di cui farsi costantemente carico, a partire dai loro bisogni primari. Grazie, dunque, a ognuno per quanto è stato possibile donare e un appello a rinnovare questa generosità anche per la seconda giornata di Raccolta, sabato 4 agosto”.