Condividi

Ac, l’11 ottobre incontro con Truffelli per parlare di “politica con la maiuscola”

Ac, l’11 ottobre incontro con Truffelli per parlare di “politica con la maiuscola”

Il presidente nazionale dell'associazione, a Grosseto per presentare il suo libro-intervista

E’ uscito pochi mesi fa, per l’editrice Ave, il nuovo libro intervista di Matteo Truffelli, presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, “La P maiuscola-fare politica stando sotto le parti”.

Il volume, di agile lettura, è curato dal giornalista Gioele Anni, consigliere nazionale Ac, e prova a declinare nel
contesto attuale e con riferimenti alla stretta attualità l’indicazione di papa Francesco rivolta all’Ac un anno fa: “Mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella Politica con la  maiuscola!”

“L’Italia – si legge nel libro – ha bisogno di cittadini che non si accontentino di dare ascolto a chi parla più forte, o in modo più suadente. Cittadini che reclamino una politica capace di rompere gli schemi da talk-show. Che siano coscienti che non tutte le fonti d’informazione sono credibili e valgono allo stesso modo. E accettino il fatto che anche il loro è un punto di vista orientato, parziale. Dobbiamo essere convinti che, una volta che ci formiamo un’opinione,
dobbiamo metterla a confronto, seriamente, con le opinioni degli altri, restando aperti a rivedere le nostre idee o a trovare sintesi ulteriori rispetto alle posizioni di partenza. Cittadini che siano avvertiti che quasi mai, nella realtà, le cose sono semplici e nette, bianche o nere”.

Di questo e di altri spunti che arrivano dal libro si parlerà a Grosseto giovedì 11 ottobre, alle 18 in sala Friuli, in un dialogo che coinvolgerà lo stesso Truffelli e Giacomo D’Onofrio, responsabile dell’ufficio comunicazioni sociali
della Diocesi e coordinatore della pagine diocesane di Toscana Oggi.

L’incontro, promosso dall’Ac diocesana, è un’occasione di incontro, di riflessione, di confronto per tornare a parlare di politica all’interno del laicato cattolico “sotto le parti”, appunto, ma con la passione di chi è interessato
all’uomo.