Condividi

Ai “Thè di Toscana Oggi” si parla dell’alluvione del 1966

27

gennaio

2016

16

Torna, mercoledì 27 gennaio, un nuovo appuntamento con i “Thè di Toscana Oggi”, l’appuntamento culturale e conviviale promosso dal settimanale diocesano per gli abbonati o per coloro che, intervenendo, si abbonano.

Tema del secondo incontro di quest’anno è: “1966-2016: 50 anni dall’alluvione della povera gente”, relatrice Giuseppina Scotti. Al termine, ai presenti verranno offerti thè e dolcetti.

L’appuntamento si tiene nella sala “San Lorenzo” del palazzo vescovile (corso Carducci 11, I piano dallo scalone), dalle 16 alle 18.

La relatrice

Laureata in Materie Letterarie con lode, ad indirizzo Biblioteconomico e specializzata in Biblioteconomia, Archivistica e Diplomatica, Giuseppina Scotti ha curato 3 rilevanti riordini e costituzioni di biblioteche scolastiche grossetane, fra le quali spiccano, quali più importanti e cospicue, quella del Liceo classico “Carducci-Ricasoli” e quella dell’I.T.G.
Frequentata la Scuola di specializzazione in Arte, diretta da Carlo Giulio Argan, presso l’Università degli Studi di Roma, svolge tuttora attività di critico d’arte, dopo aver collaborato con prestigiose Riviste d’arte.
Studiosa e ricercatrice di storia locale e non, ha effettuato numerose ed importanti ricerche storiche d’interesse, pubblicate su vari periodici, fra cui risultano: “Bollettino della Societa Storica Maremmana”, “Bollettino dell’Ordine dei Medici di Grosseto”, “Dove e Quando International”, “Ca-micia Rossa”, “Antiche Dogane”, riviste di Amministrazioni locali e quotidiani toscani e non. Dal 1966 ha collaborato al quotidiano “Il Tirreno” di Livorno ed attivamente a “Lo Spicciolo Nuovo”. È giornalista pubblicista.
È poeta riconosciuto attraverso importanti e numerosissimi premi nazionali ed internazionali. Sue liriche sono inserite, per merito, in varie Agende Letterarie e in più di 50 antologie. Ha al suo attivo, 15 (quindici) pubblicazioni di componimenti poetici, di cui 2 anche in 2a edizione. Tiene conferenze, ha collaborato con l’Archivio di Stato, la Società Storica Maremmana, di cui è stata Cancelliere dal 1964 al 1979 e l’Associazione Malatestiana di Rimini. È lettrice di poesie e, da diversi anni tiene corsi, su varie tematiche, al Circolo Culturale “La Sciarada”di San Vincenzo e svolge attività culturale, con un incontro o due all’anno, presso il carcere di massima sicurezza di Volterra.  Dal 1988 è presidente della Università delle Tre Età (Unitre), sez. di Grosseto. Il 2 giugno 2003 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi le ha conferito l’Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.