Condividi

San Carlo Borromeo

Via del Tarabuso, 21 - 58100 Principina a Terra, Grosseto (GR)

San Carlo Borromeo

Parrocchia del 1960

La parrocchia dedicata a San Carlo Borromeo, a Principina Terra, comprende un territorio piuttosto ampio, nella periferia est di Grosseto.

Il luogo dove sorge l’attuale, nuova chiesa è prospicente a un nucleo abitativo di recente realizzazione e alla strada provinciale delle Collacchie, che collega il capoluogo a Marina di Grosseto.

La parrocchia fu eretta canonicamente il 1 gennaio 1960, con decreto vescovile di mons. Paolo Galeazzi; il riconoscimento civile avvenne il 30 aprile 1964. Tuttavia già nei secoli passati si sa che la Torre alla Trappola fu sede di Parrocchia. Essa, con chiesa propria, era dedicata a San Giovanni Battista e apparteneva al terziere di Castiglione della Pescaia. La torre alla Trappola faceva parte di una fascia difensiva che comprendeva, oltre alla fortezza di Castiglione della Pescaia, anche le torri dell’Uccellina, di san Rocco, delle Rocchette, di Cala Galera, della Troia e del Barbiere. La torre fu eretta nel 1283 da Meo Guiducci di Torrenieri per conto del Comune di Siena.

Quando la Parrocchia fu canonicamente eretta, nel 1960, come luogo di culto veniva utilizzata la cappella di Santa Maria in località San Mamiliano, costruita nel 1924 dalla famiglia Ponticelli, e riaperta al culto il 31 maggio 2016 con una cerimonia presieduta dal vescovo Rodolfo Cetoloni.

Successivamente, a seguito dell’incremento urbanistico e demografico della zona interessata dalla Riforma Fondiaria, il luogo di culto per il servizio parrocchiale fu trasferito nella chiesa dell’Annunciazione, costruita nel 1929 da Francesco e Alfredo Ponticelli all’interno della Fattoria La Principina, oggi di proprietà della famiglia Bianchi. Con l’abolizione dei benefici ecclesiastici, a seguito della revisione del Concordato (1984), il vescovo Adelmo Tacconi aggiornò l’ordinamento degli enti ecclesiastici e con decreto del 20 giugno 1986 determinava denominazione e sede delle parrocchie della Diocesi, tra cui la Parrocchia di san Carlo Borromeo a Principina Terra. Il 2 ottobre dello stesso anno il Ministro dell’Interno le conferiva la qualifica di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto.

Dal 1986 al 1992 don Franco Cencioni, parroco di san Lorenzo nella Cattedrale, è stato amministratore parrocchiale. Mons. Cencioni ne divenne parroco nel 1992 fino al 2001. Successivamente parroco fu nominato don Nunzio Mocciaro.

Attuale parroco è don Vincenzo Repici.

Nei primi anni 2000 emerse l’esigenza di costruire una nuova chiesa per rispondere alle necessità di una comunità che nel frattempo era cresciuta. Nel 2002 la famiglia Scardaccione ha donato alla Diocesi un appezzamento di terreno in località Poggiale, in memoria del prof. Mario Scardaccione, per tanti anni stimato primario di Oculistica all’ospedale di Grosseto. E’ così partito l’iter burocratico per la realizzazione del nuovo complesso parrocchiale. Nel 2005 il vescovo Franco Agostinelli affidò all’architetto Domenico Scopa l’incarico della progettazione. Il 25 febbraio 2007 Mons. Agostinelli benedisse e pose la prima pietra, in occasione dell’apertura della visita pastorale. Il 18 febbraio 2009 furono benedette le tre campane di cui è dotato il campanile della chiesa, mentre il 29 novembre di quello stesso anno ha avuto luogo la consacrazione e dedicazione della chiesa.

All’interno, l’edificio di culto è arricchito da 15 vetrate in cui sono raffigurate le stazioni della Via Crucis con l’aggiunta della Resurrezione, realizzate dall’artista grossetano Francesco Mori.

Alcuni dati sulla Parrocchia

Parroco:

don Vincenzo Repici

Feste parrocchiali:

4 novembre - S. Carlo Borromeo

ultima domenica di maggio - Festa della Madonna

Orari delle Messe

Periodo Invernale
(dal 1 settembre al 31 maggio)

Prefestivo: 17.30

Festivo: 11.00

Periodo Estivo
(dal 1 giugno al 31 agosto)

Prefestivo: 17.30

Festivo: 9.30* - 11.00

*dal 15 luglio all'ultima domenica di agosto