Condividi

Passeggiata all’eremo: i giovani sui sentieri di San Guglielmo in chiave #sinodale

Passeggiata all’eremo: i giovani sui sentieri di San Guglielmo in chiave #sinodale

Domenica 13 febbraio l'iniziativa di pastorale giovanile in chiave sinodale

Sciolte le ultime riserve, il cammino dei giovani verso l’eremo Malavalle si fa. Dopo un anno di fermo. Si chiamerà «6^ passeggiata all’eremo…in preghiera con san Guglielmo».

L’appuntamento è per domenica 13 febbraio, immediatamente successiva alla festa liturgica del santo, che ricorre il 10.

La partenza sarà da Tirli, altro luogo importante per la conoscenza di Guglielmo (lì il
venerabile p. Giovanni da Batignano fondò un convento di Agostiniani provenienti dall’Eremo di Malavalle), fino, appunto, all’eremo di Malavalle, dove il santo visse gli ultimi anni della sua vita e dove morì tra il 9 e il 10 febbraio 1157.

“Vorremmo vivere questa giornata come momento di ascolto sinodale, così che quelle
realtà giovanili che già stanno camminando su queste tematiche continuino a farlo e chi non ha avuto modo o non riesce, possa viverlo almeno in questa occasione”
, dicono dall’equipe diocesana di pastorale giovanile.

IL PROGRAMMA

alle 10.30 i giovani pellegrini si ritroveranno a Tirli, presso la chiesa di Sant’Andrea apostolo e consumeranno una semplice colazione insieme. Nel frattempo coloro che hanno i mezzi li porteranno a Castiglione della Pescaia, in località Val di loro, alla sbarra da cui inizia il percorso verso l’eremo.

Alle 11.30 inizierà la passeggiata dalla chiesa parrocchiale di Tirli dove sono custodite alcune reliquie di san Guglielmo.

Pranzo al sacco nel bosco.

Alle 15.00 circa arrivo all’eremo di Malavalle. Lì sarà celebrata la Messa, presieduta dal vescovo Giovanni. Al termine i ragazzi scenderanno liberamente alla sbarra e riprenderanno le auto.