Condividi

“Ricette d’amore” con gli Amici della Cattedrale

23

febbraio

2017

15:15

Giovedì 23 febbraio nuovo pomeriggio dedicato al cinema da parte dell’associazione Amici della Cattedrale.

Nella sala parrocchiale del Duomo (Chiasso degli Zuavi), alle 15.15, sarà proiettato il film “Ricette d’amore” di Sandra Nettelbeck con Martina Gedek e Sergio Castellitto. Il film racconta di Martha , una cuoca professionista, dipendente in un ristorante di Amburgo, bravissima tra i fornelli, quanto strana di carattere. Conscia di questo e sofferente per la sua condizione, la bella cuoca segue una terapia con uno psicanalista.
La routinaria vita di Martha subisce però un giorno un brusco cambiamento. Sua sorella, divorziata e madre di una bambina di soli otto anni, muore improvvisamente in un incidente stradale e Martha è costretta a occuparsi temporaneamente della bambina.
Attraverso la giovane nipotina, Martha è costretta a rielaborarsi in direzioni a lei ancora sconosciute, scopre l’importanza dei legami e l’impegno che essi esigono, un impegno che lei deve sottrarre alla sua attività professionale. Sopraggiunge una crisi che mette a dura prova il rapporto tra Martha e la tollerante proprietaria del ristorante, che non licenzia la bella cuoca tedesca, bensì le affianca uno sconosciuto cuoco italiano, Mario (Sergio Castellitto). Martha, grazie al cuoco, riesce a stringersi ancor più a sua nipote della quale è finalmente pronta a riconoscere le esigenze affettive.
Ma, proprio nel momento in cui le cose sembrano volgere al meglio, in un rapporto a tre tra Martha, Mario e la bambina, che si configura equilibrato e sereno, ecco arrivare in Germania il padre della bimba pronto a prendere con sé la figlia e a portarla in Italia. Il distacco per Martha è dolorosissimo e causa di una nuova crisi interiore, dalla quale riesce a liberarsi soltanto abbandonando il ristorante.
Con l’aiuto di Mario, Martha scende in Italia per far visita alla bambina e scopre finalmente una realtà a lei congeniale, un ambiente accogliente e umano, nel quale sceglierà di vivere e di continuare a lavorare, con l’affetto del suo cuoco italiano e di sua nipote.