Condividi

Il grido dei precari è realmente la periferia che, più di tutte, domanda luce, che ci chiede premura, la stessa premura di San Giuseppe nella bottega di Nazareth. Perchè nei tanti disoccupati c’è realmente il Cristo che soffre, che <consoffre>, lui, il Figlio dell’uomo che non ha dove posare il capo